Ricerca

Operazione preliminare di ogni ricerca è sicuramente l'indagine bibliografica, la quale dovrà verificare l'esistenza di pubblicazioni sull'argomento preso in esame e, in caso positivo, permettere di valutare se tutta la documentazione esistente è stata esaminata.

E' noto altresì che gli Archivi, a differenza di tutti gli altri beni culturali, sono accessibili solo attraverso la consultazione di strumenti descrittivi - INDICI, REPERTORI, GUIDE, ecc. - in grado di orientare il riceratore su avvenimenti, processi storici, luoghi, persone o informazioni che permettano di avviare la ricerca ma, nello stesso tempo, anche di individuare le istituzioni nelle cui competenze rientrava l'emanazione di un provvedimento o di conoscere i passaggi di competenze da un'istituzione all'altra nel corso dei secoli.

Negli Archivi di Stato si possono effettuare due tipi di ricerca: quella a scopo amministrativo e quella con finalità storico - culturali.

La ricerca a scopoi amministrativa è relativamente più semplice, a patto che non si vada molto a ritroso dal punto di vista cronologico, in quanto tende a ricostruire la funzione amministrativa per la quale si è formato un archivio o a rintracciare nell'archivio stesso il documento che ci interessa.

Di particolare complessità, al contrario, è la ricerca di natura storico - culturale, la quale - oltre alle fasi propedeutiche alla ricerca sopra descritte - prevede lo studio particolareggiato di ogni singolo REGISTRO, BUSTA, FILZA, INCARTAMENTO ( comprendente ognuno un notevole numero di carte) per poter entrare nellintima struttura di ogni affare o di ogni avvenimento e coglierne, quindi, il significato più recondito.

Naturalmente più si va indietro nel tempo, maggiore è la difficoltà di indagine: gli strumenti di ricerca si assottigliano, peggiorano le condizioni della documentazione, cambia la lingua di redazione deidocumenti, varia il ductus dei caratteri alfabetici, si modifica la terminologia giuridica, ecc.

A tutto ciò si deve aggiungere la dispersione o il danneggiamento della documentazione, che determina la rottura dei nessi logici esistenti tra le carte rendendo, di fatto,  difficile la ricostruzione di determinati avvenimenti o processi storici